IAS 19 – EMPLOYEE BENEFITS

Lo IAS 19 detta precise direttive in materia di contabilizzazione dei benefici ai lavoratori dipendenti (employee benefits), stabilendo particolari criteri finanziari ed attuariali per la contabilizzazione dei benefici del tipo a prestazione definita (che includono, fra gli altri, il TFR, i premi aziendali ed i piani per l’alta direzione).Tali benefici, infatti, rappresentano somme future ed incerte (calcolate in base all’anzianità, alle retribuzioni godute e all’indice dell’inflazione), che vengono corrisposte ai lavoratori nel corso della vita lavorativa (e comunque oltre i dodici mesi dalla maturazione del diritto) o al momento della cessazione del rapporto di lavoro.

Per tali benefici, lo IAS 19 prescrive l’iscrizione fra le passività di un fondo assimilabile ad una riserva matematica, che consenta di far ragionevolmente fronte ad impegni futuri ed incerti in base alle informazioni disponibili alla data di valutazione, alle basi tecniche che a tale data è ragionevole porre alla base delle elaborazioni ed ad un corretto modello attuariale. Sono necessari, infatti, specifici calcoli attuariali per determinare, in termini probabilistici e per ogni dipendente, la “presumibile” data di uscita dall’azienda ed il “presumibile” importo che, a quella data, verrà loro corrisposto.

Attualmente Olivieri & Associati effettua valutazioni, secondo l’impostazione civilistica italiana e secondo lo IAS 19, oltre che per diversi Fondi Pensioni di nuova impostazione anche per Fondi integrativi quali, ad esempio, Rai – Radiotelevisione Italiana, Fondo Pensione per il Personale della Banca Popolare di Ancona e delle Società Controllate, Fondo casalinghe per la Provincia Autonoma di Bolzano, ecc..

 
 

Approfondimenti – e-learning Amendement IAS19:
Preview
Demo